La Repubblica – Prelios, debito rimodulato e nuova organizzazione

Prelios, debito rimodulato e nuova organizzazione

Milano – Prelios si avvia a chiudere il lungo riassetto organizzativo imposto dalla crisi del mercato immobiliare. Per mercoledì prossimo è convocata l’assemblea degli azionisti, chiamata a dare il via libera all’aumento di capitale da 185 milioni (di cui 100 per cassa) e alla rimodulazione del debito del gruppo, che passerà da 561 milioni di euro a 250. Parallelamente al rafforzamento patrimoniale è stata varata una rivoluzione organizzativa, con una focalizzazione sul modello di pure management company e l’obiettivo di diventare un polo europeo di servizi immobiliari integrati. Così, a un forte snellimento dei costi della holding (che passa da 100 a 50 dipendenti) fa da contraltare un travaso dell’organico verso le società operative, che godranno di maggiore autonomia. L’assemblea sarà anche l’occasione per sancire l’ingresso del nuovo socio industriale Feidos (di Massimo Caputi) e definire il board, con Giorgio Bruno destinato alla presidenza e la conferma di Sergio Iasi nel ruolo di amministratore delegato.