Prelios è pronta a partire con l’aumento da 115 milioni

La Stampa – Milano, 19 Luglio 2013 – Partirà il 22 luglio per concludersi l’8 agosto l’aumento di capitale in opzione ai soci Prelios pari a 115 milioni di euro, parte integrante «di una più ampia operazione di riequilibrio finanziario e di rafforzamento della struttura patrimoniale per complessivi 185 milioni di euro, che prevede anche un aumento di capitale riservato da 70 milioni e che apporterà nuova liquidità alle casse di Prelios per almeno 100 milioni». Lo ha reso noto ieri con comunicato la stessa società. Entro l’estate potrà quindi partire «il rilancio del gruppo immobiliare, posto che l’aumento in opzione è interamente garantito dagli attuali creditori». L’aumento di capitale in opzione ai soci di Prelios pari a 115 milioni avverrà mediante l’emissione di 193 milioni di nuove azioni ordinarie a un prezzo di 0,5953 euro, e nel rapporto di 23 titoli ogni 10 posseduti. I diritti in opzione ai già azionisti potranno essere esercitati fino all’8 agosto, mentre gli stessi saranno negoziabili fino al primo agosto. Entro il mese successivo si terrà invece l’asta dell’inoptato. L’aumento riservato pari a 70 milioni di euro avverrà mediante emissione di azioni senza diritto di voto e sarà sottoscritto da Fenice, la NewCo partecipata – oltre che da Pirelli, Intesa Sanpaolo, e UniCredit – da Feidos 11, società costituita dalla Feidos di Massimo Caputi e dalle famiglie Rovati, Diaz della Vittoria Pallavicini e Cornetto Bourlot. All’interno di Fenice, Feidos 11 sottoscriverà per 20 milioni di euro, facendo così il proprio ingresso in qualità di socio industriale. L’operazione prevede inoltre una rimodulazione del debito (che a inizio anno era pari a oltre 560 milioni) per portarlo a livelli sostenibili: 250 milioni (tra senior e super senior con tassi coerenti). Il resto andrà in un convertendo per massimi 269 milioni della durata di 7+3 anni.