Buaron & Conti al 21,85% di Prelios

MF – Milano, 29 Febbraio 2016 – Da ieri, formalmente, c’è un nuovo socio forte per Prelios. Un patto composto da nove azionisti che si affiancherà alle banche, Unicredit e Intesa Sanpaolo, per il rilancio e il riposizionamento del gruppo immobiliare guidato dall’ad Sergio Iasi. La cordata, come anticipato da MF-Milano Finanza lo scorso 24 febbraio, avrà così il 21,85% del capitale della società della Bicocca. Il patto, che ha in portafoglio 252 milioni di azioni con diritto di voto, vede coinvolti Daniel Buaron, titolare del 30% delle azioni portate in adesione e del 6,62% di Prelios, la società specializzata in non performing loans Negentropy Capital di Ferruccio Ferrara e Françoise Declerck che ha il 3,31% e la holding Feidos che fa capo a Massimo Caputi (già ai vertici come vide presidente del gruppo immobiliare) con il 3,24%. Con loro ci sono il finanziere francese Alexis De Dietrich che ha il 2,07%, come la Fondazione Renato Corti, rappresentata da Marisa Busetti. Confermata anche la presenza del fondo York Capital, attraverso la branch European Distressed Credit Holdings, con 1′ 1,65%, stessa quota detenuta anche dalla Energia di Famiglia di Fulvio Angelo Riassetto. Il manager del settore real estate, ex Lehman Brothers e Crédit Agricole, Gianfranco Paparella ha invece lo 0,83%.
L’ex ad di Enel, Fulvio Conti, che sarà pure il referente formale del patto, ha infine lo 0,41%. L’accordo tra i soci ha la durata di tre anni e prevede che cessi di efficacia nel caso in cui le azioni sindacate scendano al di sotto del 12% di Prelios. «È previsto», si legge in una nota, «che a determinate condizioni i partecipanti al patto possano acquistare nuove azioni o che terzi ne apportino al patto fino alla soglia dell’opa». Ora i diritti inoptati verranno offerti in borsa fino al 4 mazzo. II titolo intanto crolla a 0,12 euro (-13%).